Scelte rapide home page: Menu principale | Categorie | Archivio | Vai ai contenuti della pagina | Credits |



UNIVERSITÀ DI PISA - IL GIORNALE DELL'ATENEO


Flash News

Una mostra dedicata a Carlo Ragghianti

Al museo della Grafica un'esposizione dedicata alla figura del grande storico e critico d'arte. Rimarrà aperta al pubblico fino al 6 marzo.


DSU: salvaguardate borse di studio e mense

Il Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio si è riunito per esaminare la difficile situazione relativa all’approvazione del bilancio previsionale 2011. Ecco cosa è scaturito dall'incontro.


Compie 90 anni il professor Sarteschi

Martedì 21 dicembre festeggia il suo novantesimo compleanno il professor Pietro Sarteschi, diventato nel 1962 il primo cattedratico italiano di Psichiatria.


ARCHIVIO NOTIZIE

logo logo logo
 
 

Area Umanistica

 

On line ben 25 puntate, ciascuna con oltre 20 mila download e utenti sparsi in tutto il mondo

Con Historycast il passato si scarica da Internet

Al portale della professoressa Salvatori il premio EPA come miglior podcast italiano

Historycast banner

Historycast vince il premio di miglior podcast italiano per il 2010. Un importante riconoscimento per il portale storico ideato dalla professoressa Enrica Salvatori, docente associato presso il dipartimento di Storia dell’Università di Pisa, con la collaborazione tecnica di Marco Della Croce e Mauro Filardo. “European Podcast Award” (EPA) è un concorso realizzato con la collaborazione della Olympus ed è aperto a tutti i siti continentali che permettono di scaricare in modo automatico documenti (generalmente audio o video) chiamati appunto podcast. I premi sono stati assegnati a livello nazionale e la creatura della professoressa Salvatori si è aggiudicata il riconoscimento generale per l’Italia.

Il concorso. La rassegna europea “si prefigge di premiare i podcast europei che si sapranno distinguere per i loro contenuti significativi ed originali e per la loro popolarità”, si legge sul sito. E Historycast, nato nel 2006, è “purtroppo” sempre innovativo, come dice la docente, visto che da quattro anni a questa parte di iniziative indipendenti come questa ne sono nate poche. La vittoria giunge per certi versi inaspettata: sia perché la segnalazione agli organizzatori del concorso è giunta da un fan entusiasta dei contenuti del sito, sia perché ai nastri di partenza si presentavano concorrenti ben più popolari e agguerriti. C’erano tra gli altri i podcast del blog di Beppe Grillo, Digitalia, la trasmissione Caterpillar e molte emittenti radiofoniche, come Radio24, Radio Deejay e Radio Capital. “Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto – afferma Enrica Salvatori – Questo successo ci spinge ad andare avanti su questa strada, anche se è molto dura seguire il portale, visto che tutta l’attività è svolta in forma di volontariato e che il tempo e le risorse scarseggiano. Per preparare una puntata sul Neolitico, ad esempio, ci sono voluti ben due mesi di lavoro”.

La storia di Historycast. Il progetto è partito circa quattro anni fa, nel momento in cui la professoressa Salvatori ha iniziato a mettere in Rete le lezioni del corso di “Introduzione agli Studi Storici” per gli studenti di Informatica Umanistica. Riscontrato il buon numero di visitatori, ecco l’idea: un portale interamente dedicato ai piccoli e grandi episodi del passato: i vangeli apocrifi, la peste nera, i protocolli dei savi di Sion, ecc. In totale 25 puntate, ciascuna scaricata da 20mila utenti (fino ad oggi) e tutte da cinque stelle su iTunes, dove sono liberamente scaricabili. “All’inizio operavamo solo sulla piattaforma Apple – continua la docente – poi, grazie a Marco Della Croce che cura la parte tecnica e all’ex tirocinante Mauro Filardo, abbiamo aperto un blog che aggiorna continuamente gli internauti sulle nuove puntate registrate. Questo ci ha reso più visibili sul Web e ha fatto si che diventassimo anche uno strumento per gli studenti di alcune scuole di lingua italiana, una in Svizzera e una negli States”.

Gli utenti. I primi ad essere soddisfatti di questo prodotto gratuito e di qualità sono ovviamente i fruitori del servizio, che da tutto il mondo scaricano sia i files di Historycast che le lezioni dedicate agli studenti dell’Università di Pisa. “Abbiamo riscontrato che chi ascolta Historycast poi scarica anche le lezioni di storia – continua Enrica Salvatori – o fa il percorso inverso. Oltre alla mole di visitatori siamo rimasti piacevolmente sorpresi vedendo che gli utenti non sono solo italiani, ma anche statunitensi, norvegesi, brasiliani”. E anche la tipologia di internauti che utilizza i contenuti del sito non è fissa. “I nostri ascoltatori sono eterogenei – conclude la professoressa – e vanno dal bidello norvegese che ci ascolta ad ogni puntata, al professore universitario degli Stati Uniti, tutti italofoni naturalmente”.

Stefano Taglione

17 dicembre 2010